Perché l’Iran ospita i leader di al-Qaeda?

Agenti israeliani del Mossad hanno ucciso in Iran, Abdullah Ahmed Abdullah, secondo uomo di al-Qaeda collegati agli attacchi del 1998. Funzionari dell’intelligence statunitense riferiscono che il secondo uomo di Al Qaeda, accusato di aver partecipato alla pianificazione dei due attentati nelle ambasciate statunitensi in Kenya e Tanzania nel 1998, è stato ucciso in Iran il 7 agosto da agenti israeliani, su richiesta degli Stati Uniti. … Continua a leggere Perché l’Iran ospita i leader di al-Qaeda?

Un avvertimento israeliano su Jared Kushner

Un avvertimento israeliano su Kushner: ‘’interessato agli accordi sulle armi e ai soldi del Golfo’’. Il quotidiano israeliano מעריב אונליין Maariv Online ha indicato, in un articolo, “Quello che è emerso nei giorni successivi all’accordo di normalizzazione tra Israele e Emirati Arabi Uniti, è stato il fatto che Kushner (stretto consigliere e genero del presidente degli Stati Uniti Donald Trump) è diventato una figura centrale … Continua a leggere Un avvertimento israeliano su Jared Kushner

GLI ACCORDI DI NORMALIZZAZIONE ISRAELE-MEDIO ORIENTE COSTITUISCONO UN INCUBO STRATEGICO PER L’IRAN

Il pericolo strategico che l’accordo “Abraham” avrà sull’Iran e cosa lo accompagnerà in cambio dell’imminente cambiamento nella strategia iraniana. Il giorno dopo l’annuncio dell’accordo tra Emirati e Israele, il ministero degli Esteri iraniano ha definito l’accordo “stupidità strategica” e “una pugnalata agli Emirati Arabi Uniti alle spalle del popolo palestinese”. Le Guardie Rivoluzionarie invece, hanno rilasciato una dichiarazione in cui condannavano la normalizzazione e ritenevano … Continua a leggere GLI ACCORDI DI NORMALIZZAZIONE ISRAELE-MEDIO ORIENTE COSTITUISCONO UN INCUBO STRATEGICO PER L’IRAN

Israele: Mike Pompeo in visita con i Capi di Stato Maggiore Israeliani. Prossimo obiettivo Iran.

In giornata è avvenuto l’incontro tra il Primo Ministro Benjamin Netanyahu e il Segretario di Stato americano Mike Pompeo. A sua volta sono avvenuti incontri con due ex capi di Stato Maggiore, Gantz e Ashkenazi. Hanno discusso della già inaugurata, nuova era della normalizzazione dei rapporti con i paesi arabi, incluso le future mosse contro l’Iran – visto che gli Stati Uniti non sono stati … Continua a leggere Israele: Mike Pompeo in visita con i Capi di Stato Maggiore Israeliani. Prossimo obiettivo Iran.

Erdoğan ha ricevuto il capo dell’Ufficio politico di Hamas Ismail Haniyeh e la delegazione che lo accompagnava a Vahdettin Mansion a Istanbul.

Il Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha ricevuto il capo dell’Ufficio politico Hamas Ismail Haniyeh e la delegazione che lo accompagnava a Vahdettin Mansion a #Istanbul. All’incontro hanno partecipato il capo dell’intelligence turca e il portavoce della presidenza turca. Le dichiarazioni di oggi di Haniyeh, “non riconosceremo Israele, la Palestina deve estendersi dal fiume al mare, il diritto al ritorno [deve essere rispettato], i prigionieri devono … Continua a leggere Erdoğan ha ricevuto il capo dell’Ufficio politico di Hamas Ismail Haniyeh e la delegazione che lo accompagnava a Vahdettin Mansion a Istanbul.

Turchia, Erdogan “scoperti 320 miliardi di metri cubi di gas”. Ankara entra in una nuova era di indipendenza energetica grazie al Mar Nero.

“abbiamo trovato 320 miliardi di metri cubi di gas naturale nel Mar Nero, la più grande riserva energetica trovata nella storia del paese – prossimo obiettivo accelerare la ricerca di idrocarburi anche nel Mediterraneo orientale.  Lo annunciato oggi il Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan“abbiamo trovato 320 miliardi di metri cubi di gas naturale nel Mar Nero, la più grande riserva energetica trovata nella storia del … Continua a leggere Turchia, Erdogan “scoperti 320 miliardi di metri cubi di gas”. Ankara entra in una nuova era di indipendenza energetica grazie al Mar Nero.

Libia: a Tripoli è in corso una trilaterale fra i ministri degli esteri di Germania, Qatar e Turchia. La Germania intenzionata a offrire maggiore supporto al governo di accordo nazionale.

Emblematico notare la copertura mediatica all’evento (pari a zero) nonostante sia incredibilmente importante.La Germania si riconferma continuamente il partner numero uno della Turchia nell’Ue. Intanto, sempre la Germania ha dichiarato ufficialmente la zona economica esclusiva attorno Rodi e Castelrosso come “area contesa“, bloccando definitivamente le richieste di Atene. Lo riportano media greci che hanno letto documenti ufficiali sull’argomento. Proseguono le attività della Oruc Reis a … Continua a leggere Libia: a Tripoli è in corso una trilaterale fra i ministri degli esteri di Germania, Qatar e Turchia. La Germania intenzionata a offrire maggiore supporto al governo di accordo nazionale.

Beirut: incidente o attacco? Tutte le possibili piste

Quest’oggi, venerdì 7 agosto, Hassan Nasrallah, il segretario di Hezbollah, il partito ed organizzazione militare di ispirazione sciita libanese, ha voluto pronunciare un discorso alla luce delle crescenti tensioni nel Paese. Il discorso avrebbe dovuto essere reso pubblico il 5 agosto, perché aveva come argomento Israele, ma è stato posticipato a causa della tragedia di Beirut e aggiornato di nuovi contenuti. Parliamo di un fatto … Continua a leggere Beirut: incidente o attacco? Tutte le possibili piste

Joseph Lewis: il miliardario che si sta comprando la Patagonia

Si chiama Joseph “Joe” Lewis e i suoi tratti distintivi sono: inglese, miliardario, ebreo, speculatore finanziario, proprietario immobiliare e terriero, e imprenditore sportivo. Lewis è famoso soprattutto perché è il proprietario del Tottenham calcio, ma dovrebbe esserlo per un fatto molto più inquietante: dalla seconda metà degli anni ’90 è impegnato nell’acquisizione di terre nel cono sud dell’America latina, soprattutto in Cile e Argentina – … Continua a leggere Joseph Lewis: il miliardario che si sta comprando la Patagonia

Tunisia, da speranza a disillusione.

Corruzione, disoccupazione, indifferenza delle autorità, limitazioni delle libertà e carovita, in particolare per i prezzi dei beni di prima necessità, hanno portato nel 2011 all’inizio di quella che viene chiamata “Rivoluzione dei gelsomini”, culminata con la caduta del regime di Ben Alì e l’avvio di un processo di modernizzazione e democratizzazione del paese. La collaborazione tra rivoltosi ed esercito portò alla sconfitta delle milizie controrivoluzionarie … Continua a leggere Tunisia, da speranza a disillusione.