Centinaia di tunisini minacciano di partire clandestinamente verso l’Italia per colpa della Federcalcio tunisina.

Centinaia di tunisini minacciano di partire clandestinamente verso l’Italia – come atto di protesta contro una decisione della Federcalcio tunisina! Una disputa calcistica tunisina ha scatenato polemiche che si sono estese in tutto il paese

Annunci

Centinaia di tunisini minacciano di partire clandestinamente verso l’Italia – come atto di protesta contro una decisione della Federcalcio tunisina! Una disputa calcistica tunisina ha scatenato polemiche che si sono estese in tutto il paese, soprattutto dopo che circa duemila persone hanno minacciato di immigrare illegalmente in Italia, in segno di ‘’protesta’’ dopo la decisione (definita ‘’ingiusta’’) della Federazione tunisina di sospendere le attività della loro squadra di calcio. Il 17 ottobre la Federcalcio tunisina ha deciso di sospendere le attività della Hilal Young Association e di impedirle di partecipare alle competizioni per la stagione calcistica 2020-2021.

Annunci
La gente della giovane città si prepara a immigrare in Italia. In segno di protesta contro la decisione di interrompere l’attività della loro squadra da parte di un’università

La Federcalcio ha motivato la sua decisione per il “mancato completamento della documentazione che la società sportiva avrebbe dovuto eseguire, nonostante i ripetute sollecitamenti“. La città di Al-Shabaa, della squadra in oggetto, ha assistito a manifestazioni e uno sciopero generale per protesta contro la decisione. Molti negozi e attività commerciali hanno chiuso i battenti, i manifestanti hanno chiuso l’ingresso principale della città bruciando pneumatici, mentre altri hanno manifestato portando le bandiere della squadra.

Annunci

Di fronte a questo silenzio delle autorità su questo reclamo, persone di tutte le età hanno deciso di lasciare il paese per l’Italia“, ha detto Muhammad Ali Abbas, membro del coordinamento. D’altra parte, altri cittadini hanno criticato la minaccia dei tifosi della squadra di Al Hilal di migrare verso le coste italiane, ritenendo inutile questo “nuovo metodo di protesta” che riflette una mancanza di consapevolezza della comunità. Il comitato di coordinamento ha allestito una tenda nel porto di Shaba per registrare i nomi di coloro che intendono partire. Nel primo giorno di adesione, è stata raggiunta la quota di 700 iscritti!

Annunci

TROVI I NOSTRI AGGIORNAMENTI QUOTIDIANI SULLA PAGINA FACEBOOK.

Passa a dare un’occhiata dai nostri amici di Cultura e Geopolitica del Medio Oriente

intopic.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...